Via San Vito, 200 - Tito

Potenza - ITALY IT

info@worldnetexchange.eu

+39 347 6996574

Project & activities

International Association

Titolo

Autem vel eum iriure dolor in hendrerit in vulputate velit esse molestie consequat, vel illum dolore eu feugiat nulla facilisis at vero eros et dolore feugait

Archivio dell'autore %s admin

Cose da mettere in valigia per la tua esperienza di studio all’estero

Dodici cose da non dimenticare quando ti prepari per la tua avventura europea

Sei stato accettato per poter studiare all’estero, hai ricevuto il tuo visto e adesso? Essere organizzati e preparati può aiutare ad alleviare lo stress di trasferirsi all’estero.

Assicurati di fare prima delle ricerche sul luogo in cui vivrai, in modo da poter avere una buona idea di come sia il tempo e di che cosa gli studenti di solito portano con sé. Se non sei davvero sicuro, vale la pena entrare in contatto con il tuo istituto di istruzione superiore prescelto in quanto dovrebbero essere in grado di consigliarti su cosa portare.

Oltre ai vestiti, pensa a ciò che sarà utile su base giornaliera.

Puoi utilizzare questo elenco degli elementi di cui potresti avere bisogno, oltre ad alcuni altri per aiutarti a sistemarti rapidamente.

  1. Passaporto e visto: anche se questo può sembrare ovvio, rimarrai bloccato se dimentichi il passaporto e il visto. Controlla tre volte prima di partire per avere entrambi i documenti con te e conservali in un luogo sicuro durante i tuoi viaggi.
  2. Documenti importanti :  oltre a prendere le versioni fisiche dei documenti del tuo istituto di istruzione superiore, fai alcune copie e invia le scansioni elettroniche alla tua e-mail personale. Prendi anche documenti per il tuo alloggio e informazioni sulla tua assicurazione sanitaria e sul tuo libretto sanitario.
  3. Assegni di viaggio:  fino a quando non è possibile aprire un conto bancario, gli assegni di viaggio sono il modo più sicuro di portare i propri soldi con sé.
  4. Valuta locale: anche se non è consigliabile trasportare una grande quantità di denaro contante, avere abbastanza per coprire qualsiasi trasporto e pasti assicurerà che tu sia rilassato una volta arrivato.
  5. Biancheria da letto e asciugamani:  verificare se è necessario portare la propria biancheria da letto.
  6. Articoli di pronto soccorso:  oltre ai farmaci prescritti, porta oggetti come cerotti, antidolorifici, bende e creme antisettiche per formare un kit di pronto soccorso di base.
  7. Spine adattatrici:  per qualsiasi apparecchiatura elettronica che prevedi di portare con te, porta con te anche un adattatore. Controlla quale tipo di spine utilizza il tuo paese di destinazione (ad esempio spine a tre pin), poiché potrebbe variare da Paese a Paese.
  8. Caricabatterie e powerbank:  indipendentemente dalla durata della batteria del telefono, dovrai portare con te il caricabatterie per assicurarti di rimanere in contatto.
  9. Frasario:  prendi un frasario di base per la lingua locale. Mentre di solito ti capita di imparare l’inglese di base, ci possono essere casi in cui la conoscenza di alcune frasi può aiutarti all’inizio.
  10. Apribottiglie:  rimarrai sorpreso dalla frequenza con cui le persone dimenticano di portarle! È anche un modo pratico per fare amicizia con i tuoi nuovi coinquilini.
  11. Foto di famiglia:  questa è una buona idea per aiutare con qualsiasi nostalgia di casa che potresti avere nella nuova casa. Mantenere le foto dei propri cari non solo ti farà sentire più a casa, ma renderà anche la tua stanza più accogliente.
  12. Zeppa della porta:  usa una zeppa della porta per tenere aperta la porta della tua stanza – in questo modo ti troverai amichevole e le persone possono facilmente entrare e presentarsi nel tuo nuovo alloggio per studenti

Con tutto pronto, sei pronto per iniziare la tua nuova avventura di studio in Europa. Divertiti!

È servito più tempo per costruire la Sagrada Familia di Barcellona che le Piramidi

Le antiche piramidi d’Egitto furono costruite tra il 2589 e il 2504 a.C., in circa 85 anni. La costruzione della Sagrada Familia, il capolavoro di Antoni Gaudì, è iniziata nel 1882. Gaudì non è riuscito a vedere la sua opera completa. Barcellona spera di completarla entro il 2026, nel 100° anniversario della morte di Gaudì, dopo 144 anni di costruzione.
D’altronde l’architetto amava ripetere: “Il mio cliente non ha nessuna fretta. Dio ha tutto il tempo del mondo”.

Ecco allora alcune curiosità sulla Sagrada Familia:

L’altezza del monumento:

La Torre di Gesù Cristo, ancora da completare, farà della Sagrada Familia l’architettura sacra più alta in Europa. Gaudì la concepì inferiore di mezzo metro rispetto al vicino Montjuïc, perché la sua creazione non superasse quella di Dio.

Una volta completata, la basilica sarà fra le più grandi al mondo. La sua capienza interna è di 14 mila persone.

Le facciate

La basilica ha 3 facciate, ognuna rappresentante una fase della vita di Cristo. Quella della Natività, creata da Gaudì, è un tripudio di decorazioni che evocano la vita; quella della Passione, ornata dal controverso scultore Josep Maria Subirachs, ha forme scarne e inquietanti; quella della Gloria, non ancora pronta, sarà la più grande.

Portico della carità sulla facciata della Natività. By Canaan (own work)  , via wikimedia commons

Le torri

Dedicate agli apostoli, agli evangelisti, a Maria Vergine e a Gesù, per il loro aspetto bizzarro sono state paragonate a termitai o a castelli di sabbia. Certo Gaudì non si accontentò delle forme disponibili nella storia dell’architettura, ma attinse al repertorio della natura con l’intento di migliorare tenuta e staticità. Ogni torre ha una struttura paraboloide e, all’interno, una scala ispirata alle lumache di mare, mentre le colonne della basilica sono concepite come una foresta.

I pinnacoli decorati della Sagrada Familia. Di Poniol60 (Opera propria)  , attraverso Wikimedia Commons

I simboli massonici o esoterici

Gaudì è stato associato di volta in volta a occultismo, numerologia, spiritismo, finanche all’uso di sostanze allucinogene. Sono molte le immagini della Sagrada Familia interpretate in chiave massonica ed esoterica: dal labirinto al triangolo, dal tau alla stella di David, dal pellicano alla piramide. Storicamente non c’è nulla che attesti l’appartenenza dell’architetto alla massoneria, in un contesto in cui questa era legale e pubblici i nomi degli iscritti.

Il numero del quadrato magico sulla Facciata della Passione

Sommando in tutte le direzioni i 16 numeri di questa illustre versione del sudoku, si ottiene sempre 33: gli anni di Cristo, ma anche il massimo grado di uno degli ordini iniziatici della massoneria. Anticamente quadrati di questo tipo erano considerati strumenti di magia bianca in grado di incidere sulla realtà.

Il quadrato magico con il bacio di Giuda di Josep Maria Subirachs. By Oscar (own work)  , via Wikimedia Commons

Il tesoro nascosto

Apre scenari alla Dan Brown la leggenda secondo cui Gaudì avrebbe ricevuto un misterioso oggetto da custodire nella basilica. Il donatore non sarebbe stato altri che Bérenger Sauniére, l’oscuro parroco di Rennes-les-Châteaux cui si ispirava il personaggio di Jacques Sauniére nel Codice da Vinci. Malgrado scritti e trasmissioni televisive sul tema, all’origine di questa storia probabilmente non c’è altro che il numero 121 della serie a fumetti di Martin Mystere, il cui autore Alfredo Castelli giura di aver inventato tutto di sana pianta.

DiscoverEU? Vieni ad esplorare l’Europa!

Se questo è l’anno in cui compi 18 anni e ti va di festeggiare scoprendo l’Europa, sappi che c’è un’iniziativa per te! Si chiama DiscoverEU, l’opportunità che l’Unione europea ti offre di ricevere un biglietto per viaggiare in tutto il continente.

Come partecipare
Accedendo alla pagina http://europa.eu/youth/discovereu_it sul Portale Europeo per i Giovani, potrai iscriverti online dalle ore 12 di giovedì 7 novembre alle ore 12 di giovedì 28 novembre 2019.
Ti verranno richiesti i tuoi dati personali e dovrai rispondere ad un quiz di 5 domande a risposta multipla sulla cultura europea e sulle iniziative dell’Unione europea per i giovani. Infine, dovrai rispondere a una domanda di spareggio che consentirà alla Commissione europea di fare una classifica dei partecipanti nel caso in cui riceva un numero troppo elevato di domande.
Puoi partecipare singolarmente, ma anche in gruppo di massimo 5 amici; in quest’ultimo caso, segui attentamente le istruzioni specifiche che trovi sul Portale.

Chi può partecipare
Puoi partecipare se:
– hai compiuto 18 anni nel 2019 o li compirai entro il 31 dicembre 2019 (incluso)
– hai la cittadinanza di uno dei 28 Stati membri dell’Unione europea
– hai intenzione di partire tra il 1º aprile 2020 e il 31 ottobre 2020
– hai intenzione di viaggiare almeno 1 giorno e al massimo 30 giorni
– sei intenzionato a visitare almeno 1 Stato membro dell’Unione europea
– sei disposto a diventare un Ambasciatore DiscoverEU, un testimonial dell’UE con altri giovani.
Ricorda! Non puoi presentare di nuovo domanda di partecipazione se hai già viaggiato con DiscoverEU nell’ambito del precedente turno di candidature, che si è svolto a maggio 2019.

Condizioni di viaggio
Se sarai destinatario di uno dei biglietti disponibili, il principale mezzo di viaggio con cui ti muoverai sarà il treno, ma potrai usare anche altri mezzi se sarà necessario, come autobus e traghetti; in casi eccezionali e in mancanza di altri mezzi disponibili, potrai prendere l’aereo. Con questa flessibilità l’Unione europea vuole sostenere la partecipazione anche di giovani che vivono nelle zone più remote o nelle isole. Allo stesso modo, se hai una disabilità o un problema di salute che rende difficile il viaggio, l’UE ti garantirà il sostegno necessario per partecipare.

Teenage Girl Reading on Train — Image by © Roy Botterell/Corbis

Dettagli e regolamento
Per conoscere tutti i dettagli in merito alla partecipazione, soprattutto in gruppo, e alle condizioni di viaggio, puoi consultare il sito ufficiale dell’iniziativa, il Portale europeo dei Giovani all’indirizzo http://europa.eu/youth/discovereu_it.

Partecipando alle precedenti tornate di DiscoverEU già quasi 50.000 giovani in tutta Europea hanno ottenuto un pass. Ora tocca a te cogliere l’occasione di viaggiare in libertà, conoscere dal vivo l’Europa, fare nuove amicizie e lanciarti alla scoperta di te nel mondo!

(Articolo tratto dal sito internet Agenzia Nazionale Giovani del 07/10/2019)

Erasmus Days-10/11/12 Ottobre 2019

Tornano gli Erasmus Days! Tantissime le iniziative in Europa e in Italia.

A raccontare il Programma saranno i protagonisti di esperienze di mobilità e progetti: scuole, università, ma anche associazioni culturali, cooperative sociali, centri per la formazione e l’educazione degli adulti. Sono istituti e organizzazioni che hanno accolto l’invito dell’Agenzia nazionale Erasmus+ Indire a organizzare un evento Erasmus, per dare visibilità al programma e avvicinare il territorio alle opportunità europee.

Gli #Erasmusdays nascono dalla collaborazione tra l’Agenzia Erasmus+ Indire e l’Agenzia Erasmus in Francia. Giunti al terzo anno sono diventati un appuntamento fisso in Europa, con oltre 3.000 eventi in programma in 35 diversi Paesi europei.

In Italia sono molte le città coinvolte, da Trieste a Palermo, passando per Milano, Cuneo, Treviso, Venezia, Genova, La Spezia, Bologna, Ferrara, Piacenza, Firenze, Livorno, Perugia, Sorrento, Napoli, Brindisi, Reggio Calabria e Catania.

Sono in programma oltre 220 eventi tra conferenze, visite guidate, spettacoli di piazza, concerti, ma anche momenti più informali con aperitivi con tandem linguistici, flash mob, traversate in barca a vela, mostre e concorsi fotografici a tema Erasmus. Molti eventi sono aperti al pubblico e mirano a far conoscere i vantaggi del Programma in termini di innovazione, apertura, cultura, cambiamento negli individui ma anche nelle organizzazioni.

L’Agenzia Erasmus+ Indire quest’anno porta gli #Erasmusdays anche a Fiera Didacta Italia, la più grande manifestazione italiana per il mondo della scuola, con l’evento “Raccontami Erasmus”, in programma il 9 e 10 ottobre a Firenze. Il 9 sono in programma le storie raccontate da studenti ad altri studenti e da Istituti di diversi livelli scolastici, mentre la mattina del 10 ottobre è rivolta invece a un pubblico di docenti, educatori e formatori.

La presentazione ufficiale degli #Erasmusdays quest’anno avviene in un contesto istituzionale, con la conferenza stampa il 10 ottobre nella sala stampa del Parlamento europeo di Bruxelles. Solo quattro i paesi che presenteranno iniziative di successo negli #Erasmusdays: Francia, Belgio, Repubblica Ceca e Italia.

Anche l’educazione degli adulti sarà protagonista degli #Erasmusdays grazie a un’iniziativa promossa da Epale, la piattaforma elettronica europea per l’educazione degli adulti: la Mostra virtuale europea sull’apprendimento degli adulti, una mostra che riunisce 28 fotografie relative a progetti realizzati in Paesi diversi e raccontati attraverso la fotografia. I poster mostrano le attività realizzate dal Terzo settore, le scuole degli adulti, i centri di formazione, le associazioni locali, i musei per l’apprendimento lungo tutto l’arco della vita. Le fotografie sono online e scaricabili da chiunque voglia replicare la mostra virtuale nel proprio ente.

Tutti gli eventi in programma dal 10 al 12 ottobre sono raccolti e presentati nel sito ufficiale europeo degli #Erasmusdays 2019: https://www.erasmusdays.eu/

Corpo Europeo di Solidarietà

Una nuova opportunità per te: i Progetti di solidarietà
Il Corpo Europeo di Solidarietà offre ai giovani tra 18 e 30 anni l’opportunità di impegnarsi in attività di Volontariato, Tirocinio e Lavoro nel proprio Paese o all’estero.
Come? Partecipando a progetti destinati ad aiutare comunità o popolazioni in Europa oppure presentando un Progetto di solidarietà da realizzare nel proprio territorio.

I Progetti di solidarietà costituiscono un’importante esperienza di apprendimento non formale per crescere sul piano personale, educativo, sociale e civico, consentendo di realizzare attività nel proprio territorio che abbiano un chiaro valore aggiunto europeo.

Che cos’è un Progetto di solidarietà
Un gruppo di almeno 5 giovani dei Paesi UE tra 18 e 30 anni ha la possibilità di presentare un progetto per realizzare attività di solidarietà nel proprio Paese. Il gruppo sviluppa e attua il progetto per un periodo che va da 2 a 12 mesi, assumendosi la responsabilità e impegnandosi a portare cambiamenti positivi nella propria comunità locale (in tema di inclusione sociale, accoglienza e integrazione di rifugiati e migranti, cittadinanza e partecipazione democratica, protezione dell’ambiente e della natura, creatività e cultura, ecc.).
Il progetto ha un argomento chiaramente identificato da tutti i partecipanti che esprime solidarietà e che viene tradotto in concrete attività quotidiane.

Finanziamento
Il progetto prevede un finanziamento della Commissione europea articolato nelle seguenti voci:

  • 500 euro al mese per la gestione e realizzazione delle attività di progetto
  • 214 euro al giorno (per un massimo di 12 giornate) per retribuire un coach che supporti i giovani nella realizzazione del progetto
  • il finanziamento del 100% dei costi per la partecipazione di giovani con minori opportunità.

Come partecipare e presentare un Progetto di solidarietà
Un gruppo di minimo 5 giovani, oppure un’organizzazione per loro conto, provenienti da uno Stato membro dell’UE presenta il progetto alla propria Agenzia Nazionale (in Italia l’Agenzia Nazionale per i Giovani).
Attenzione! Tutti i giovani che intendono partecipare devono iscriversi o essersi già iscritti al Corpo europeo di solidarietà.

Per la presentazione dei progetti sono previste 3 scadenze:

  • 7 febbraio 2019
  • 30 aprile 2019
  • 1 ottobre 2019.

La presentazione del progetto avviene esclusivamente online attraverso lo specifico webform per Solidarity Projects, disponibile all’indirizzo https://webgate.ec.europa.eu/web-esc/screen/home.

Per approfondire tutte le caratteristiche e i criteri di partecipazione ai Progetti di solidarietà è fondamentale consultare la Guida a Corpo europeo di solidarietà 2019, disponibile cliccando qui: Guida ESC 2019
La Guida è al momento fruibile in inglese, ma sarà presto disponibile anche in italiano.

(Articolo tratto dal sito Web di Agenzia Nazionale Giovani)

OLS- Supporto linguistico online

Per facilitare la comprensione e l’apprendimento delle lingue straniere durante e dopo le mobilità, la Commissione Europea ha messo a punto un supporto linguistico on line per monitorare il livello linguistico degli studenti Erasmus.

Cos’è l’OLS?

Il sostegno linguistico online (Online Linguistic Support – OLS) è una piattaforma gratuita per l’apprendimento online delle lingue, concepita appositamente per i partecipanti ai programmi Erasmus+ e Corpo europeo di solidarietà. Grazie a OLS potrai verificare il tuo attuale livello di conoscenza della lingua che utilizzerai durante l’esperienza all’estero. I risultati del test non precludono la tua partecipazione ad una mobilità Erasmus+ o del Corpo europeo di solidarietà, ma ti consentono di accedere a un corso di lingua OLS! Il sostegno linguistico online è complementare all’insegnamento “in presenza” poiché ti consente di sviluppare le competenze anche fuori dall’aula. Inoltre ti offre diverse attività di apprendimento di gruppo.

Cosa offre?

OLS offre test di valutazione e corsi di lingua online. La flessibilità della piattaforma ti consente di lavorare secondo il tuo ritmo e di adattare l’esperienza di apprendimento alle tue esigenze. OLS offre una vasta gamma di attività per migliorare le tue competenze linguistiche. Potrai seguire MOOC (Massive Open Online Courses) tematici oppure usufruire di lezioni private online con dei madrelingua e altri partecipanti OLS. OLS è disponibile in 24 lingue.

A chi è rivolto?

Se sei uno studente universitario, uno studente dell’Istruzione e formazione professionale (mobilità VET) o un volontario Erasmus+ e sei stato selezionato per il programma Erasmus+ o Corpo europeo di solidarietà, puoi utilizzare OLS.

Nei Paesi Bassi ci sono più biciclette che persone

Nei Paesi Bassi ci sono più bici che persone, per l’esattezza 18 milioni contro 17. A rivelarlo è la BBC in un articolo. In Olanda si sta pensando di realizzare sistemi di riscaldamento delle piste ciclabili per evitare in inverno la formazione di ghiaccio e ridurre i circa 7000 incidenti annuali in cui sono coinvolti i ciclisti a causa di questo problema.

D’altra parte in Olanda stanno già progettando piste ciclabili eco-sostenibili che prevedono l’uso di asfalto riciclato, rifiuti per il dragaggio del fondo stradale, illuminazione ad energia solare, e un’altra innovazione simile c’era da aspettarsela.
Attenzione però, non è tutto oro ciò luccica: olandesi e belgi con questa storia delle biciclette hanno anche un sacco di problemi, ad esempio il sovraffollamento di bici nei parcheggi, per cui si sta pensando di realizzare altri parcheggi sopraelevati, o la presenza di un esercito di bici abbandonate che le amministrazioni di alcune città, stufe, hanno deciso di rimuovere definitivamente anche a costo di rompere i lucchetti a cui sono legate.

Erasmus Travelers Competition

Premi in denaro per condividere esperienze di viaggio e mobilità internazionale

Erasmus Travelers Competition valorizza  le esperienze di viaggio, con  la possibilità di vincere fino a  4,000 euro di premi.

Il progetto mira a coinvolgere blogger, studenti Erasmus o  semplici viaggiatori che desiderino condividere la l’esperienza di viaggio con altri. L’obiettivo è mettere al centro città e luoghi amati in genere per sollecitare altri studenti Erasmus e viaggiatori a scoprire mete diverse e  trovare nuovi stimoli.
 I possibili temi da mettere sotto la lente sono:

  •     Luoghi di interesse
  •     Esperienze Erasmus
  •     Tradizioni e costumi
  •     La tua città natale
  •     Luoghi nascosti
  •     Ricette tradizionali

I contributi possono essere prodotti in forma di  blog/pagina web o articoli su una città o un paese, non tralasciando alcun aspetto appunto, dalle ricette culinarie, alle  tradizioni,  a cosa vedere, cosa visitare, dove mangiare, dove andare per una serata fuori, e   luoghi di interesse dei tipi più disparati. E’ possibile  anche illustrare  la vita nel proprio “nuovo paese”. Infine si  può descrivere una  esperienza in città parlando delle sue caratteristiche chiave e dei luoghi interessanti.

Si può partecipare inviando il proprio ‘taccuino di viaggio’ cliccando qui fino al 17 ottobre

“Be active, be involved!” – Youth Exchange

Nuova call per scambio culturale all’estero.

Nelle date dal 03/11/2019 al 14/11/2019 nella cittadina di Wisła in Polonia.

I partner del progetto sono: Polonia, Italia, Ungheria e Romania.

Gli obiettivi del progetto sono:

  • condividere conoscenze, esperienze e buone pratiche in merito alle diverse opportunità per i giovani, compresa l’offerta di Erasmus + di cooperazione internazionale e vari programmi per i giovani come scambi di giovani, formazione, SVE – Servizio volontario europeo ecc.
  • presentare modi diversi di essere attivi e coinvolti nelle nostre stesse comunità confrontando le iniziative esistenti in Polonia, Ungheria, Italia e Romania, identificando le esigenze nelle nostre comunità locali e trovando soluzioni concrete per rispondere ad esse
  • sensibilizzazione interculturale, miglioramento delle competenze linguistiche e lotta con gli stereotipi cooperando con partecipanti provenienti da diversi paesi, con età simile e affrontando problemi simili nella loro vita quotidiana

o scrivici a info@worldnetexchange.eu

Youthpass- un milione di certificati emessi dal 2006 ad oggi

Dal 2006 ad oggi sono stati emessi in Europa un milione di certificati Youthpass (www.youthpass.eu). Si tratta di un certificato rilasciato dalla Comunità Europea ai ragazzi che hanno partecipato alle opportunità del programma Erasmus+, settore Gioventù, attestandone le competenze acquisite e spendibili nel proprio percorso di vita. Ciò si traduce in un milione di occasioni di apprendimento create dagli innumerevoli progetti europei.


È uno strumento che promuove il settore dell’educazione non formale e permette di dare visibilità e riconoscibilità al bagaglio di acquisizioni, apprendimenti, competenze trasversali apprese grazie al programma europeo. Dell’emissione dei certificati in Italia se ne occupa l’Agenzia Nazionale per i Giovani che nel solo ultimo programma ne ha riconosciuti oltre 71mila in 4915 progetti promossi da 2121 organizzazioni.
«Il riconoscimento delle competenze non formali è di cruciale importanza per la crescita dei giovani europei. Il mercato del lavoro ha subito cambiamenti strutturali e l’educazione non formale e le soft skills acquisiscono importanza fondamentale per aumentare l’occupabilità dei ragazzi. È necessario rafforzare la consapevolezza da parte del mercato del lavoro dell’importanza dello Youthpass». Dichiara Domenico De Maio, direttore generale dell’Agenzia Nazionale per i Giovani.

Facebook
Twitter
Visit Us
YouTube