Via San Vito, 200 - Tito

Potenza - ITALY IT

info@worldnetexchange.eu

+39 347 6996574

Project & activities

International Association

Titolo

Autem vel eum iriure dolor in hendrerit in vulputate velit esse molestie consequat, vel illum dolore eu feugiat nulla facilisis at vero eros et dolore feugait

Sciopero globale sul clima #globalstrikeforfuture

«Molti pensano sia troppo tardi per agire, ma non capiscono che sono davvero poche le persone in prima linea. Se cominciate adesso, sarete fra i pionieri. Non è mai troppo tardi»

Uno sciopero globale, che si svolge in 139 Paesi del mondo, per chiedere ai governi azioni più incisive contro il cambiamento climatico. Come già era accaduto il 15 marzo, anche oggi ci si attende una manifestazione planetaria, capace di mobilitare milioni di persone. Gli eventi in programma sono ben 4638. Greta Thunberg, 16enne paladina del clima, partecipa dagli Stati Uniti, dove è arrivata a fine agosto dopo un lungo viaggio in barca attraverso l’oceano. Le manifestazioni hanno coinvolto per prime Sydney e altre città australiane, la Nuova Zelanda, la Tasmania e persino la minuscola Repubblica delle Kiribati, in Oceania. Secondo il Guardian, le oltre 300mila persone che hanno partecipato all’evento in Australia hanno fatto di questo Climate Strike il più massiccio sciopero a tema ambientale della storia australiana.

La mobilitazione si è già attivata in Africa (con manifestazioni a Nairobi, a Johannesburg, Accra) e in Asia (Jakarta, Manila, Nuova Delhi, Bangkok). In Cina non è stata autorizzata alcuna manifestazione. In Europa, ci sono decine di marce già organizzate in Francia e ben 500 in Germania. A Londra, sono in programma eventi e proteste a Millbank, Islington, Bethnal Green and Hammersmith, ma lo sciopero vedrà coinvolti anche i cittadini di altre città britanniche, da Manchester a Cardiff passando per Edimburgo.

In Italia, così come in Olanda, lo sciopero per il clima è previsto per il 27 settembre, dunque a una settimana di distanza, per motivi legati alla data di avvio delle lezioni nelle scuole, che hanno reso necessari tempi organizzativi più lunghi.

admin

Lascia un commento

Facebook
Twitter
Visit Us
YouTube